Ciao Nando

15.02.2016

Tutti gli osteopati d’Italia salutano Nando con riconoscenza e gratutudine. Non era un’osteopata di fatto, ma lo era nel cuore e nell’anima, come lo dimostra il suo prezioso, appassionato e instancabile contributo alla crescita e allo sviluppo dell'osteopatia in Italia, nonché grande sostenitore del ROI, senza esserne socio. 
Nando ha creduto nell'importanza della formazione e ha lavorato con perseveranza e tenacia per portare la sua scuola a livelli sempre più elevati.
Grazie a Nando e grazie alla sua famiglia, a cui siamo vicini con un corale ed affettuoso abbraccio.
 
Paola Sciomachen e il Consiglio Direttivo ROI